Pages Navigation Menu

Spettacolare! La prima italiana di TRASHED

Il cinema Odeon era gremito. Spettacolare! La prima italiana di TRASHED della regista inglese Candida Brady – film efficacissimo con immagini crude e nello stesso tempo “poetiche” – ha avuto un successo superiore alle aspettative. Perfetta l’organizzazione del Coordinamento dei Comitati della Piana a cui molte associazioni – tra cui Zero Waste Italy ed ANPAS oltre a Medicina Democratica – e il Comune di Greve in Chianti hanno dato un “sigillo” da “GRANDE EVENTO… CHE LASCIA IL SEGNO”. Nel film, da vedere, l’attore inglese Jeremy Irons e protagonisti quali Captain Moore, Paul Connett, Vivien Howard ed altri di altissimo spessore che raggiungono lo spettatore con grande SEMPLICITA’ SCIENTIFICA. Grande la regia e la interpretazione. La Rivoluzione Zero Waste sta dilagando in Italia premiando un lavoro che dura ormai da circa 20 anni. Paul Connett che con Alberto Bencistà e Rossano Ercolini sono intervenuti dal palco riscuotendo applausi e un calorosissimo sostegno ha sottolineato come questo film denuncia sarà presto “integrato” con nuove iniziative culturali ed artistiche (pubblicazione di un libro su ZW negli USA sul canovaccio di quello recentemente pubblicato in Italia) che punteranno a sviluppare le parte propositive già abbozzate dallo scioccante film denuncia. Il 25 a Greve in Chianti andrà in scena un nuovo atto della lotta che a Firenze, anche per l’importanza che per la cultura questa “Capitale” riveste sta sempre più assumendo rilevanza nazionale ed internazionale. In questo quadro la classe politica locale e regionale che sta facendo da TAPPO” alla diffusione delle buone pratiche appare sempre più nel suo squallore provinciale denotando un

anacronismo da cui le comunità in movimento sapranno liberarsi. Intanto con l’adesione del COMUNE DI MANOPPELLO in provincia di Perugia (comune di circa 7000 abitanti che il primo febbraio aderirà a Rifiuti Zero) il comuni protagonisti della “Rivoluzione in Corso di Rifiuti Zero” raggiungono la vetta di 119. Ma altri si stanno preparando a farlo.

Zero Waste Italy